• Home
  • L. Fallimentare
  • Art. 10 Legge Fallimentare - Fallimento dell'imprenditore che ha cessato l'esercizio dell'impresa

Art. 10 Legge Fallimentare - Fallimento dell'imprenditore che ha cessato l'esercizio dell'impresa

Gli imprenditori individuali e collettivi possono essere dichiarati falliti entro un anno dalla cancellazione dal registro delle imprese, se l'insolvenza si è manifestata anteriormente alla medesima o entro l'anno successivo. In caso di impresa individuale o di cancellazione di ufficio degli imprenditori collettivi, è fatta salva la facoltà per il creditore o per il pubblico ministero di dimostrare il momento dell'effettiva cessazione dell'attività da cui decorre il termine del primo comma (1) (2). (1) Comma così modificato dal comma 2 dell’art. 2, D.Lgs. 12 settembre 2007, n. 169, con la decorrenza ed i limiti previsti dall’art. 22 dello stesso decreto. (2) Articolo così sostituito dall'art. 9, D.Lgs. 9 gennaio 2006, n. 5, con la decorrenza indicata nell'art. 153 dello stesso decreto. Precedentemente la Corte costituzionale, con sentenza 11-21 luglio 2000, n. 319 (Gazz. Uff. 26 luglio 2000, n. 31Serie speciale), aveva dichiarato, tra l'altro, l'illegittimità costituzionale del presente articolo, nella parte in cui non prevedeva che il termine di un anno dalla cessazione dell'esercizio dell'impresa collettiva per la dichiarazione di fallimento della società decorresse dalla cancellazione della società stessa dal registro delle imprese.




Leggi altri articoli in: Legge Fallimentare