• Home
  • TU Stupefacenti
  • Art. 33 TU stupefacenti - Idoneita' dell'officina ai fini della fabbricazione

Art. 37 TU stupefacenti - Autorizzazione al commercio all'ingrosso

Chiunque intende ottenere l'autorizzazione al commercio all'ingrosso di sostanze stupefacenti o psicotrope deve presentare domanda al Ministero della sanità, separatamente per ciascun deposito o filiale. 2.  Il Ministero della sanità accerta l'idoneità dei locali adibiti alla conservazione e alla custodia delle sostanze e dei prodotti. 3.  Le spese relative a tali accertamenti sono a carico del richiedente ed i relativi recuperi sono versati con imputazione ad apposito capitolo dello stato di previsione delle entrate statali. 4.  La domanda corredata da certificato di iscrizione alla camera di commercio, industria, artigianato ed agricoltura deve indicare: a)  le generalità del titolare o la denominazione dell'impresa commerciale con l'indicazione del legale rappresentante; b)  le generalità della persona responsabile del funzionamento dell'esercizio e l'indicazione dei requisiti previsti dall'articolo 188–bis del testo unico delle leggi sanitarie, approvato con regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265; c)  l'ubicazione delle sedi, delle filiali, dei depositi o magazzini nei quali il commercio viene esercitato con l'indicazione dei locali riservati alla ricezione, alla detenzione e alla spedizione o consegna dei prodotti di cui al comma 1, con la indicazione delle misure di sicurezza adottate per i predetti locali; d)  le sostanze, i prodotti e le specialità medicinali che si intende commerciare. 5.  Il Ministro della sanità, previ gli opportuni accertamenti, rilascia l'autorizzazione al commercio determinando, ove necessario, le condizioni e le garanzie. (Legge 22 dicembre 1975, n. 685, art. 37).   




Leggi altri articoli in: Testo Unico degli Stupefacenti